Nuovo, splendido articolo di Andrea Romano.

È forse la vendetta dell’insularità, il mito fondativo che da sempre sta all’identità britannica come la frontiera all’orizzonte simbolico statunitense? […]

[L]’incubo di un’insularità che da confine protettivo diventa recinto invalicabile di una malattia misteriosa e incontrollabile, che risparmia l’Europa ma condanna i britannici ad uno scenario di probabile estinzione.

Per inciso: titolo così perché non fosse stato per la comparsa della provvidenziale pulzella i Plantageneti avrebbero conservato un piede in Francia, e con ogni probabilità a causa di quel lembo conquistato e strenuamente difeso la storia del continente e la percezione dei britannici nei confronti della terraferma sarebbero state profondamente diverse.