Quasi mi dispiace infierire, vista l’inevitabile pochezza di Barbarossa, primo lungometraggio lumbard. Ma questo, che palesa la sopraffina sottigliezza dei rimandi all’attualità e il minuzioso lavoro sulla psicologia dei personaggi, è davvero da non perdere.