Un video, per quanto artigianale, è più utile di qualunque analisi scientifica per illustrare la dabbenaggine di Giampaolo Giuliani.
Alle due di stanotte sono incappato in un’intervista al Giuliani per Radio Radicale, che trovate anche qui, frammento delle 14:04 (mp3 scaricabile qui). Ho a stento sopportato il servilismo quasi succube dell’intervistatore, Alessio Falconio, ma tutte le volte che ho desiderato cambiar canale per porre fine alle mie imprecazioni – non sempre mentali -, la curiosità di capire sin dove si sarebbe spinto Giuliani mi ha impedito di farlo. Il nostro non evita di citare il suo libro-verità, che qui volentieri vi risparmio.
C’è però un’altra intervista che la notte è andata in coda a quella di Giuliani, e che mi ha trattenuto dal lanciarmi in biliose invettive contro la parzialità dell’informazione radiofonica. Dal sito è reperibile nella registrazione che parte dalle 19:13 (sempre qui; mp3), più precisamente a 14’06” dall’inizio del frammento. Provate a fare il confronto tra le mai documentate illazioni di Giuliani e le ricerche, quelle sì fondate su studi scientifici e sul consensus consolidato della comunità scientifica internazionale, di Antonio Piersanti (dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, sezione di Sismologia e Tettonofisica), e chiedetevi se in realtà non bastasse il video a spiegare già tutto: è perfettamente comprensibile che una personalità moderatamente disturbata cerchi nella scienza giustificazioni ex post per spiegare le tragedie che nessuno è ancora in grado di prevedere. Non, però, che le spacci per verità quasi dogmatiche, e che poi ritratti con generici appelli ai tanti ‘altri precursori sismici’.

*

Sì, lo so: occorre un supplemento d’indagine sulla mancata messa a norma delle costruzioni abitative in una zona ad elevato rischio sismico, ma tale lavoro d’inchiesta è stato svolto benissimo altrove, da un anno a questa parte. Qui ci si limita a segnalare le farneticazioni di chi, a distanza di dodici mesi, non ha ancora compreso come funzioni un calcolo probabilistico e la modellistica sismologica; o che forse l’ha capito, ma ha bisogno di soldi, attenzione mediatica, risposte alle sue paure più profonde.